Certificazione Energetica, quando è obbligatoria?

certificazione-energetica

Quando è necessario richiedere l’APE (Attestato di Prestazione Energetica)? Una domanda alla quale non sempre è facile rispondere, sia perché sull’argomento non c’è sufficiente chiarezza, sia perché negli ultimi anni sono state apportate molte modifiche. In questo articolo analizziamo, caso per caso, tutte le volte in cui è richiesta la Certificazione Energetica insieme a Friuli Ristrutturazioni che fornisce la sua consulenza per la certificazione energetica a Udine e provincia.

Compravendita o donazione di un immobile

Il proprietario che sta per vendere un immobile deve far redigere l’APE, a sua spese, e mostrarlo all’acquirente. Dopo la conclusione della trattativa l’attestato deve essere consegnato al nuovo proprietario. Tale passaggio va certificato con un’apposita clausola, in cui il nuovo proprietario conferma di aver ricevuto tutta la documentazione necessaria in relazione alla prestazione energetica dell’immobile. L’APE deve inoltre essere allegato al contratto di vendita. In caso di inadempienze, le sanzioni possono variare da 3.000 fino a 18.000 euro ed è stata eliminata la nullità dell’atto in caso di mancata allegazione.

Il D.lgs. 192/05 non tratta esplicitamente il caso della donazione di un immobile, ma stando all’applicazione vigente bisogna comunque fornire al nuovo proprietario l’APE. In caso di eredità non è invece richiesto l’APE tra i documenti della successione.

Affitto di immobili

Nei contratti di locazione bisogna inserire una clausola, con la quale il conduttore conferma di aver ricevuto l’APE. Se si tratta di un affitto di singole unità immobiliari, l’APE non necessariamente deve essere allegato al contratto, ma va comunque redatto.

Anche in questo caso, come per la compravendita, il proprietario deve mostrare l’attestato di prestazione energetica durante tutte le fasi di contrattazione e consegnarlo all’affittuario dopo la stesura del contratto.

In caso di assenza dell’APE le sanzioni possono essere molto alte ed oscillano tra i 1.000 ed i 4.000 euro (multe che possono essere ridotte della metà se la locazione non supera i 3 anni).

Annunci di vendita

Quando si pubblica un annuncio immobiliare di vendita o di affitto di appartamenti, è necessario fornire i dati relativi alla prestazione energetica globale, la prestazione energetica dell’involucro e la classe energetica corrispondente. Prima di pubblicare qualsiasi annuncio bisogna quindi richiedere la redazione dell’attestato. Anche in questo caso le sanzioni sono molto pesanti e possono arrivare fino a 3.000 euro.

Le nuove costruzioni

Un immobile di nuova costruzione deve essere dotato di APE. Secondo la procedura, tra la documentazione obbligatoria da presentare al Comune rientra anche l’APE, necessaria per ottenere il certificato di agibilità.

L’attestato deve essere redatto da un certificatore energetico indipendente, che risulti estraneo a tutte la altre fasi di realizzazione e progettazione dell’edificio. Per tutti quegli interventi edili che richiedono la consegna di SCIA, CILA o PdC, il direttore dei lavori oppure un tecnico incaricato deve consegnare la cosiddetta AQE (Attestato di Qualificazione Energetica) in previsione del collaudo e della fine dei lavori.

Ristrutturazioni importanti e interventi di demolizione-ricostruzione

Le cosiddette ricostruzioni importanti o gli interventi finalizzati a demolire e poi a ricostruire un immobile richiedono l’APE.

Con il termine ricostruzioni importanti si fa riferimento agli interventi che interessano una superficie maggiore del 25% dell’involucro dell’edificio. Sono diversi i casi che rientrano nella categoria “ristrutturazioni importanti”, tra le quali sono compresi lavori di impermeabilizzazione dei tetti o di semplice manutenzione ordinaria.

APE necessaria per accedere al Superbonus 110 ed all’Ecobonus

Per accedere al Superbonus 110, il tecnico deve accertare il salto di almeno due classi energetiche dell’edificio prima e dopo l’intervento migliorativo. Bisogna quindi redigere un’APE che va allegata, sotto forma di dichiarazione sostitutiva di atto notorio, all’asseverazione da inviare successivamente all’ENEA. L’APE viene definita “convenzionale” dal MISE nel caso dei condomini e non deve essere registrata presso la Regione, poiché ha l’unico obiettivo di certificare il salto di due classi energetiche.

Anche per usufruire dell’Ecobonus per gli interventi di coibentazione, su parti private o parti comuni condominiali, è richiesta l’APE. Se vengono effettuati lavori su parti comuni, in caso di detrazione pari al 70% bisogna redigere un’APE per ogni singola unità immobiliare che compone il condominio. Se invece i lavori sono finalizzati ad usufruire dell’agevolazione fiscale del 75%, allora in aggiunta bisogna redigere un’APE di tutto il condominio prima e dopo l’intervento.

L’APE di ogni singola unità immobiliare, alla fine dei lavori, è necessario per i seguenti bonus destinati all’efficientamento energetico:

  • Ecobonus 65%;
  • Ecobonus 70%;
  • Ecobonus 75%;
  • Ecobonus 70 + Sismabonus ->80%;
  • Ecobonus 75 + Sismabonus ->85%;
  • Bonus Facciate 90% con isolamento.

Edifici pubblici e relativi contratti di gestione di impianti

L’Attestato di Prestazione Energetica è necessario per tutti gli edifici utilizzati dalle pubbliche amministrazioni, ed aperti al pubblico, con una superfice superiore ai 250 mq. Secondo la normativa in tutti gli edifici aperti al pubblico, con una superficie maggiore di 500 mq, l’attestato deve essere affisso all’ingresso dell’edificio o in qualsiasi altro luogo ben visibile. Anche le scuole devono dotarsi di un’APE.

Tale documento è infine richiesto per i nuovi contratti o contratti relativi alla gestione di impianti termici o di climatizzazione all’interno di edifici pubblici.

Laura Musig
Redazione
Laura Musig wed design a Udine e consulente SEO. Dopo aver curato svariate campagne di posizionamento sui motori di ricerca per aziende del settore casa e considerando la mia passione per la scrittura web, ho deciso di aprire Arredamento e Dintorni. Se desideri scrivermi puoi farlo attraverso la sezione Contatti.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Dichiaro di aver preso visione dell’informativa riportata alla pagina “Informativa Privacy” e di dare il mio consenso al trattamento dei dati personali.