Tende in cucina: ecco come sceglierle

Come sappiamo le tende sono elemento decorativo capace di fare arredamento e donare piacevolezza ad un ambiente. Forse per questo motivo quando pensiamo alle tende, pensiamo ad ambienti destinati al relax ed al riposo come il soggiorno o alla camera da letto. Non pensiamo piuttosto a stanze altamente operative come la cucina. In questo post invece cercheremo di darvi alcuni consigli per scegliere le tende destinate alla cucina.

A differenza di altre stanze, porre delle tende in cucina ha uno scopo più funzionale che estetico. Le tende in cucina infatti proteggono i cibi dall’esposizione diretta alla luce solare, evitando l’innalzamento della temperatura e quindi il loro deterioramento.

Per quanto riguarda la scelta del modello, molto dipende dal punto in cui verrà installato il tendaggio. Se la finestra è posta in prossimità di un piano di lavoro e contestualmente non è esposta a grandi correnti d’aria, è possibile scegliere una tenda a pacchetto. Se la tenda infatti non oscillerà per via del vento, è anche poco probabile che si sporchi qualora entri in contatto con eventuali preparazioni alimentari poste sul piano di lavotp. Se invece la finestre è posta lontana da fornelli e piani di lavoro, è tranquillamente possibile installare una tende a bastone, anche lunga fino al pavimento. Ma più in generale per le tende della cucina è fondamentale che il meccanismo di apertura e chiusura sia molto agevole.

Passiamo quindi alla scelta della stoffa. Prima di cominciare a fantasticare su fantasie e colori parliamo di spessore del tessuto. La pesantezza del tessuto dipenderà molto dall’esposizione della finestra. Se la finestra è molto esposta alla luce naturale, mettendo per esempio in battuta di sole alimenti o credenze, sarà necessario selezionare un tessuto più pesante ed oscurante come quelli normalmente adatti ad una camera da letto. Se invece la finestra e la luce naturale, non rischiano di far deteriorare gli alimenti, è possibile optare per un tessuto più trasparente e leggero.

Se è vero che è importante evitare che la cucina si surriscaldi è anche opportuno che l’alternanza caldo-ferro non sia troppo sensibile. Facciamo quindi in modo che dalle finestre ma soprattutto dalle porte finestre non si disperda troppo calore. Informiamoci per tanto su quelli che sono i tessuti più coibentanti, come il lino ma anche certi tessuti sintetici.

Infine se la finestre e le tende sono in prossimità dei fornelli, chiediamo al rivenditore di tendaggi o di tessuti, la possibilità di visionare un tessuto ignifugo.

Redazione
Laura Musig wed design a Udine e consulente SEO. Dopo aver curato svariate campagne di posizionamento sui motori di ricerca per aziende del settore casa e considerando la mia passione per la scrittura web, ho deciso di aprire Arredamento e Dintorni. Se desideri scrivermi puoi farlo attraverso la sezione Contatti.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*