Tatami in casa: tutto quello che volevi sapere

OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Siamo abituati a vederlo nelle palestre di arti marziali ma ci sono tanti buoni motivi per pensare di introdurlo nelle nostre case.

Vantaggi del tatami

I tatami sono un prezioso alleato per la pulizia dell’aria in quanto assorbono il biossido di azoto presente negli ambienti. Regolano la presenza di umidità quando è molto alta grazie alle sue proprietà igroscopiche e favorisce lo scarico naturale quando l’aria è secca. In altre parole siamo di fronte ad un isolante naturale che se posto per esempio in una camera da letto la manterrebbe fresca d’estate e calda nelle stagioni rigide.

Il tatami è il pavimento giapponese per eccellenza anche se con il termine si può anche indicare il singolo pannello. E’ realizzato da più strati di paglia di riso ricoperti di giunco. L’aria compresa tra i vari strati non subisce le influenze delle temperature esterne.

Nella loro parte superiore i tatami sono rivestiti da un doppio layer di stoffa giapponese (Igusa) che al tatto risulta molto morbide.

La paglia di riso del riempimento viene essiccata in modo naturale per 12 mesi con temperature molto alte affincè vengano uccisi acari e parassiti, realizzando di fatto una sterilizzazione totale.

Ogni pannello è cucio insieme con un bordo di tessuto di cotone bianco e fissato con un filo di materiale naturale.

I tatami originali sono caratterizzati da un colore verde e con il passare del tempo si seccano completamente assumendo un colore marrone. Per far si che il vostro tatami duri a lunghi dovete tenerlo sempre bene asciutto per evitare la formazione di muffe. Si consiglierebbe di rimuovere i pannelli ogni tre mesi per metterli ad asciugare al sole per alcune ore. Se vivete in una zona umida ed avete un tatami, una buona idea sarebbe quella di dotarvi di un deumidificatore elettrico da tenere sempre attivo.

Come fare la manutenzione del tatami

E’ giusto partire ricordando che i migliori tatami sono quelli realizzati in Giappone o secondo il metodo giapponese. Per la pulizia del tatami vi occorrono: aceto bianco e acqua, batuffoli di cotone, olio paglierino e nebulizzatore per moquette.

Credits immagine viverezen.it

Laura Musig
Redazione
Laura Musig wed design a Udine e consulente SEO. Dopo aver curato svariate campagne di posizionamento sui motori di ricerca per aziende del settore casa e considerando la mia passione per la scrittura web, ho deciso di aprire Arredamento e Dintorni. Se desideri scrivermi puoi farlo attraverso la sezione Contatti.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*