Sedie e scrivanie per l’ufficio: i consigli per non sbagliare la scelta

1322-sedie per scrivania

Chi si cimenta nella scelta e negli acquisti degli arredi per l’ufficio deve essere consapevole dell’importanza e della delicatezza del compito a cui si sta dedicando: dalla qualità della sedia e della scrivania, per esempio, deriva la possibilità di lavorare bene, di sentirsi a proprio agio e quindi di essere più produttivi. Il benessere di chi sta a una scrivania o di fronte a un computer è fondamentale, soprattutto se tale posizione viene tenuta per circa otto ore al giorno.

Le sedie: cosa bisogna sapere

Prima di comprare le sedie per scrivania, è opportuno essere consapevoli della differenza tra le sedie operative e quelle direzionali: tali elementi di arredo si distinguono in base alla funzione a cui sono destinati e al compito che sono deputati a svolgere. Le sedie operative, in particolare, sono quelle più diffuse negli uffici e si caratterizzano per la semplicità della loro struttura, che è anche sinonimo di versatilità: esse, infatti, assicurano a tutti una postura appropriata e corretta e sono in grado di adattarsi senza difficoltà a qualsiasi tipo di corporatura. Oltre ad essere dinamiche, le sedie operative possono essere girevoli e dotate di rotelle, il che permette di spostarsi e di passare da una scrivania all’altra in modo semplice ed efficiente.

Le sedie direzionali

Al di là delle sedie operative, in commercio si trovano anche le sedie direzionali, che prestano una notevole attenzione sull’aspetto ergonomico e al tempo stesso si fanno notare per uno stile più raffinato ed elegante, quasi manageriale. Proprio perché si tratta di sedute che sono destinate ai quadri alti, esse sono prive di ruote, dal momento che i dirigenti non hanno bisogno di spostarsi tra le scrivanie. L’assenza di rotelle è anche indice di autorevolezza e di autorità. Le finiture sono sempre molto curate, sia dal punto di vista delle cuciture che dal punto di vista dei materiali, e lo stesso si può dire per le imbottiture, più morbide e accoglienti di quelle delle sedie operative.

Le poltrone presidenziali

Una terza categoria di sedie per l’ufficio va individuata nelle poltrone presidenziali, che si differenziano dalle tipologie appena viste per la loro taglia forte. Esse, infatti, hanno dimensioni più ampie e in più imbottiture che possono essere paragonate a quelle di un divano. D’altra parte, si tratta delle sedute che sono riservate a chi sta in alto nella gerarchia dell’ufficio. Esse comunicano un messaggio di importanza e di sicurezza, ma anche di serietà e di stabilità.

E le scrivanie?

Passando alle scrivanie, la valutazione più importante è quella relativa alla larghezza, che varia a seconda degli spazi che si hanno a disposizione, ma anche in funzione di ciò che va collocato sul piano di lavoro. Non è detto, infatti, che ci siano solo la tastiera e lo schermo del pc, anche perché non di rado i computer con cui si lavora sono due: il che vuol dire almeno due tastiere e due mouse, se non addirittura due stampanti. Ma non è tutto, perché su una scrivania ci può essere bisogno anche di un portapenne, di una vaschetta per i documenti, di un telefono, e così via.

Le misure sono importanti

Così come per le sedie, anche per le scrivanie per l’ufficio le misure sono importanti. Si pensi, per esempio, all’altezza del piano di lavoro: se esso è troppo basso, rischia di entrare a contatto con le gambe, che rimangono incastrate tra la scrivania e la sedia, e per di più induce chi sta al computer a ingobbirsi; se è troppo alto, d’altro canto, rende difficile scrivere sulla tastiera. Insomma, la tutela della salute di chi lavora è più importante di quel che si possa immaginare e deve essere tenuta sempre in considerazione quando si acquistano gli arredi per l’ufficio.

Laura Musig
Redazione
Laura Musig wed design a Udine e consulente SEO. Dopo aver curato svariate campagne di posizionamento sui motori di ricerca per aziende del settore casa e considerando la mia passione per la scrittura web, ho deciso di aprire Arredamento e Dintorni. Se desideri scrivermi puoi farlo attraverso la sezione Contatti.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*