Il futuro delle TV si chiama OLED

tv-oled

La TV è un elettrodomestico imprescindibile nelle case degli italiani: c’è chi ci guarda la TV tradizionale, chi ci guarda Netflix o Amazon Prime Video. C’è chi la odia e chi la ama, chi ne guarda molta, chi pochissima, sta di fatto la tv rimane un device a cui pochi rinunciano. Al pari di molti altri apparecchi presenti nelle nostre case le TV, negli ultimi anni hanno subito una profondissima evoluzione grazie all’avvento delle nuove tecnologie, una su tutte la tecnologia OLED. L’acronimo OLED sta per Organic Light Emitting Diode[1] ovvero diodo organico a emissione di luce.

Sempre più modelli di tv dispongono di questa tecnologia, il TV OLED Panasonic per esempio ma potremmo citarne altri, ed il loro successo sembra in continua ascesa. In questo articolo cercheremo di capire i motivi di questo successo, ovvero perchè acquistare un tv OLED. Parlare di alta definizione (HD), di 4K, ma vorremmo addentrarci in 4 aspetti molto tecnici.

I display OLED emettono luce in autonomia, quindi per essere visibili non necessitano di essere illuminati da un pannello aggiuntivo (come succedeva con i LED tradizionali). Il risultato è uno schermo sottilissimo che può anche essere sottoposto a flessione o torsione ottenendo di fatto un suggestivo schermo curvo.

Non necessitando di una luminosità di fondo non ci sono problemi per quanto riguarda il contrasto delle immagini. In altre parole i pixel, destinati a mostrare il colore nero, vengono spenti. Il risultato è un nero perfetto che va ad incidere positivamente su tutta la resa cromatica dell’immagine.

I pannelli OLED hanno tempi di risposta istantanei, questo evita il rischio di imbattersi nel fastidioso effetto denominato motion blur, un “effetto scia” che si può notare durante panoramiche orizzontali o nel caso di oggetti che si muovono velocemente. Il risultato sono immagini nitide indipendentemente dalla velocità.

Infine un’altra caratteristica connaturata alla tecnologia OLED è l’ampiezza degli angoli di visione. Questo significa che se osserviamo da lontano uno schermo OLED da una posizione non centrata, la nostra percezione dei colori non sarà pregiudicata, in quanto la gamma cromatica vira gradualmente su altri colori.

Finora il prezzo dei display OLED ha pesato sulla loro diffusione, così elevato da fare passare in secondo piano la qualità delle immagini e l’esperienza visiva che sono capaci di garantire allo spettatore. Effettivamente il prezzo è ancora elevato se confrontato con i tradizionali LED ma, l’affinamento di questa tecnologia sta facendo si che gli apparecchi acquistabili sul mercato stiano diventando, pian piano, sempre più abbordabili.

Laura Musig
Redazione
Laura Musig wed design a Udine e consulente SEO. Dopo aver curato svariate campagne di posizionamento sui motori di ricerca per aziende del settore casa e considerando la mia passione per la scrittura web, ho deciso di aprire Arredamento e Dintorni. Se desideri scrivermi puoi farlo attraverso la sezione Contatti.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*