Come installare una stufa a pellet senza canna fumaria

stufa-a-pellet-senza-canna-fumaria

L’installazione di una canna fumaria se si vive in un condominio è sempre una questione delicata. Vuoi per la normativa da rispettare, vuoi per il regolamento condominiale o per la presenza di condomini sempre pronti a protestare.

Indipendentemente da queste questioni, la canna fumaria resta un impianto che può generare pericolo, per cui è buona norma installarla rispettando le distanze di sicurezza.

Se non vi sono disposizioni in merito da parte del regolamento condominiale, si deve rispettare ciò che dice l’articolo 890 del codice civile e il D.P.R. 412/1993, articolo 5, comma 9.

Però tutte queste rogne possono essere bypassate installando una stufa a pellet senza canna fumaria.

Come funziona una stufa a pellet senza canna fumaria

Se non si vuole o non si può installare una canna fumaria nella propria abitazione ma, allo stesso tempo, si ha anche un occhio di riguardo verso un tipo di riscaldamento che non generi danni ambientali la stufa a pellet senza canna fumaria è l’alternativa giusta.

A differenza delle stufe che funzionano con la canna fumaria serve solo un tubo di scarico da 8 cm che passi attraverso il muro per scaricare all’esterno. Per il tiraggio invece serve solo una ventola elettrica incorporata nella stufa.

Secondo la normativa UNI 10683 per il rilascio dei fumi c’è l’obbligo di scaricarli dal tetto, per questo per installare una stufa senza canna fumaria serve comunque un tecnico specializzato e autorizzato.

Installazione di una stufa a pellet senza canna fumaria

Il tecnico specializzato provvederà a posizionare il tubo di scarico con fungo terminale per portare i fumi all’esterno. Le soluzioni fai da te non sono contemplate in queste fasi perché si tratta di impianti che devono necessariamente essere sicuri.

Il tecnico, specie in considerazione del fatto che la stufa a pellet funziona a corrente, provvederà anche a realizzare un condotto per il tiraggio naturale, di modo che il riscaldamento possa funzionare anche in caso di mancanza di corrente elettrica.

È molto importante che, al termine dell’intervento di installazione, il tecnico rilasci la certificazione obbligatoria dell’impianto e, come per ogni caldaia, andrà fatta una manutenzione periodica.

Serve il consenso dei condomini?

Non serve il consenso dei condomini per installare il tubo di scarico fumi sulla parete perimetrale del condominio perché ognuno può servirsi della cosa comune purché non impedisca agli altri di goderne.

Resta comunque buona regola del vivere civile informare l’amministrazione condominiale dell’intenzione di installare un piccolo tubo per lo scarico fumi della stufa a pellet.

Laura Musig
Redazione
Laura Musig wed design a Udine e consulente SEO. Dopo aver curato svariate campagne di posizionamento sui motori di ricerca per aziende del settore casa e considerando la mia passione per la scrittura web, ho deciso di aprire Arredamento e Dintorni. Se desideri scrivermi puoi farlo attraverso la sezione Contatti.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*